320Chili won Equilibrio Prize 2010 with the short format “Ai Migranti”!

Il Collettivo ringrazia Sidi Larbi Cherkaoui, Brigitte Furle, Gil Mendo, Benoit Swan, Carole Fierz, Susanne Walker per la meravigliosa opportunità offerta e le belle parole incoraggianti che colmano anima e corpo di gioia; Gerarda Ventura, Giorgio Rossi e Raffaella Giordano per il sostegno continuo costante forte e chiaro; tutto lo staff dell’Auditorium Parco della Musica di Roma per la cura prima e durante le giornate del Premio; Bruno de Franceschi per la promessa ufficiale di curare le musiche dei migranti.

Grazie e Grazie a tutti gli amici che stanno festeggiando  con e per noi, vicini  e lontani, ON DANS!

I 320



AI MIGRANTI

Le migrazioni sono spostamenti che gli animali compiono in modo regolare, periodico, lungo rotte ben precise, e che coprono distanze anche molto grandi.

Le migrazioni sono un andare di persone a piedi e per mare, stracci addosso  e occhi spalancati, nervi tesi, cuore sospeso ad aspettare l’Oltre.

Le migrazioni sono un andare avanti camminando indietro, guardando verso il passato per poi girarsi e accorgersi di aver fatto strada.

Le migrazioni sono necessità istintuale di movimento interiore ed esteriore.


LE MOTIVAZIONI DELLA GIURIA
«Ai Migranti di 320Chili offre un esempio poetico ed emotivamente efficace di lavoro collettivo. Gli artisti/interpreti hanno saputo coniugare le diverse esperienze di formazione in un risultato corale e armonico che prende, tra l’altro, ispirazione da un evento rilevante della nostra epoca, le migrazioni, che riguarda tutti noi. La giuria ha apprezzato la capacità di creare immagini evocative e pittoriche, risultato ottenuto con pochi mezzi e sfidando il linguaggio abituale delle loro discipline. La giuria incoraggia 320Chili a mantenere e sviluppare questo approccio.»

Un pensiero su “320Chili won Equilibrio Prize 2010 with the short format “Ai Migranti”!

I commenti sono chiusi.